area riservata ubicazione site map
 
COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE
Alluminio e latta
Amianto
Apparecchi elettrici ed elettronici
Bottiglie per bevande in PET
Carta e cartone
Ingombranti
Pile e batterie
Plastiche
Pneumatici usati
Rifiuti di origine animale
Rifiuti edili (materiale inerte)
Rifiuti urbani (non riciclabili)
Rifiuti speciali
Scarti vegetali
Tessili e scarpe
Vegetali infestanti
Vetro
 Tessili e scarpe



 
La separazione
La raccolta separata di tessili e scarpe è vantaggiosa per l’ambiente perché possono essere riciclati/riutilizzati diminuendo così la quantità di rifiuti urbani da smaltire. È inoltre economicamente proficua: infatti i ricavi della vendita della merce, in particolare dei vestiti indossabili ancora in ottimo stato sono in parte usati per finanziare i centri di raccolta (che è dunque gratuita per il consumatore), in parte devoluti per scopi di utilità pubblica.

La raccolta
Vestiti (maglie, pantaloni, calze, ecc.), cappelli, biancheria di casa, scarpe appaiate,borse, cinture e così via, possono essere depositati nei contenitori ubicati nel Comune, consegnati agli appositi centri, esposti in occasione dei giri annuali di raccolta porta a porta o consegnati in alcuni negozi di abbigliamento o scarpe. I tessili usati vengono conseganti ai centri di cernita, dove vengono separati a mano.

Prima di gettare nel sacco della spazzatura, ad es. gomitoli di lana, bottoni, stringhe, ecc., informatevi sulle possibilità di consegna presso i mercatini dell’usato o le organizzazioni che ritirano tessili e scarpe.

La raccolta è generalmente gestita da organizzazioni di pubblica utilità. Oltre a quelle nazionali (le principali sono Contex, Satex, SoliTex, Texaid), esistono numerose organizzazioni a livello regionale e locale che dall’operazione traggono un aiuto economico e finanziano perlopiù attività a favore della comunità.


Il riciclaggio
Gli abiti usati raccolti sono composti per il 65 % da vestiti ancora indossabili: suddivisi per tipo e taglia sono destinati a paesi in via di sviluppo. I tessili rimanenti per il 15 % vengono tagliati e utilizzati come strofinacci, per il 15 % trasformati in lana rigenerata e materiale isolante, resta un 5 % di materiale di scarto.

Gli obiettivi
• Mantenere la raccolta periodica a domicilio senza costi per i Comuni e le economie domestiche.
• Integrare la raccolta a domicilio con la messa a disposizione di contenitori ove depositare i tessili.
• Incentivare la popolazione alla raccolta separata dei tessili mediante un’informazione adeguata.


Le regole d'oro
SEPARARE attentamente i tessili riciclabili dai rifiuti e quanto depositato deve essere pulito e in buono stato.
TOGLIERE tessili sporchi o in cattivo stato, resti di stoffa, capi d’abbigliamento in materiale sintetico, stracci, scarti inutilizzabili e altri tipi di rifiuto.
SEGUIRE le direttive riportate al punto di raccolta e le indicazioni fornite dal proprio Comune.


ULTERIORI INFORMAZIONI SONO DISPONIBILI:

www.rifiuti.ch (immettendo il codice di avviamento postale)
Regolamento di applicazione dell'Ordinanza tecnica sui rifiuti (ROTR): www.ti.ch/program
www.swissrecycling.ch
Ufficio federale dell'ambiente UFAM


Strada dell'Argine 5 - CH-6512 Giubiasco - Telefono +41(0)91 850 06 06 - Telefax +41(0)91 850 06 07 - www.aziendarifiuti.ch

Print