area riservata ubicazione site map
 
COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE
Alluminio e latta
Amianto
Apparecchi elettrici ed elettronici
Bottiglie per bevande in PET
Carta e cartone
Ingombranti
Pile e batterie
Plastiche
Pneumatici usati
Rifiuti di origine animale
Rifiuti edili (materiale inerte)
Rifiuti urbani (non riciclabili)
Rifiuti speciali
Scarti vegetali
Tessili e scarpe
Vegetali infestanti
Vetro
 Apparecchi elettrici ed elettronici





La separazione
Gli apparecchi elettrici ed elettronici (televisori, computer, aspirapolvere, rasoi, tosaerba,…) contengono materiali riciclabili (ferro, rame, platino, oro,….) e, spesso, anche sostanze nocive per l’uomo e l’ambiente (ad esempio piombo e/o cadmio). Il riciclaggio dei primi a un costo ragionevole e il corretto smaltimento delle seconde rendono necessaria la raccolta separata.

È per questo motivo che l’ordinanza concernente la restituzione, la ripresa e lo smaltimento degli apparecchi elettrici ed elettronici (ORSAE) vieta di gettarli nell’immondizia e che, al momento dell’acquisto, il consumatore paga una tassa anticipata di riciclaggio.


La raccolta
È regolamentata dall’ORSAE e si applica alle seguenti categorie:
• apparecchi dell’elettronica d’intrattenimento;
• apparecchi della burotica, dell’informazione e della comunicazione;
• elettrodomestici (inclusi apparecchi di refrigerazione);
• strumenti;
• elettroutensili;
• apparecchiature per lo sport e il tempo libero e giocattoli;
• dispositivi d’illuminazione e lampade.

La normativa prevede che gli apparecchi elettrici ed elettronici vadano restituiti a un rivenditore o a una impresa di smaltimento autorizzata. È ammessa anche la consegna a un centro pubblico di raccolta (i Comuni non sono tuttavia obbligati ad allestirlo).

Inoltre alcuni Comuni organizzano il ritiro di questi apparecchi, per poi affidarli ai centri autorizzati o ai centri di raccolta della SWICO Recycling/SENS (Associazione economica svizzera della tecnica d’informazione, comunicazione e organizzazione assieme alla Fondazione SENS, che si occupa della gestione e del recupero degli elettrodomestici in Svizzera).


Il riciclaggio

Gli apparecchi vengono smontati per separare le parti contenenti sostanze riciclabili (ad esempio alluminio, ferro o rame) dalle componenti nocive come i metalli pesanti (evitando così che finiscano nell’ambiente) e dalle sostanze in plastica, che sono smaltite in impianti di termovalorizzazione e/o riciclate.

Gli obiettivi
• Incentivare la popolazione alla raccolta separata degli apparecchi elettrici ed elettronici e favorire la  consegna presso i punti di vendita.
• Evitare che questi oggetti finiscano nella spazzatura, informando sulle alternative (acquisto di  apparecchi di qualità, possibilità di ripararli) e sui costi.
• Acquistare apparecchi o dispositivi d’illuminazione a bassi consumi di energia (cfr. etichettaEnergia).


Le regole d'oro

CONSEGNARE gli apparecchi fuori uso presso i punti di vendita, ai centri comunali o ai centri di  raccolta autorizzati tra cui la sede di Bioggio dell’ ACR.
TENERE presente che è escluso il deposito di questi apparecchi tra gli ingombranti.

ULTERIORI INFORMAZIONI SONO DISPONIBILI:           

www.rifiuti.ch/RecyclingMap (immettendo il codice di avviamento postale)
Regolamento di applicazione dell'Ordinanza tecnica sui rifiuti (ROTR): www.ti.ch/program
www.swico.ch e www.erecycling.ch
Censimento cantonale
Ufficio federale dell'ambiente UFAM

Strada dell'Argine 5 - CH-6512 Giubiasco - Telefono +41(0)91 850 06 06 - Telefax +41(0)91 850 06 07 - www.aziendarifiuti.ch

Print